Biblioterapia, curarsi con la lettura di un buon libro

Crescita personale, delle emozioni e delle riflessioni, sono questi i benefici che la biblioterapia, la terapia del libro, è in grado di apportare alla salute. Utilizzare un libro come terapia è una pratica di successo che dall’America e dall’Inghilterra pian piano si sta diffondendo in tutto il mondo e sta ridando il giusto valore alla lettura.

 

La lettura come supporto alla salute

I primi istituti ad adottare la biblioterapia sono stati i reparti ospedalieri britannici e americani, nei quali erano presenti librerie colme di libri, dai classici agli ultimi libri usciti sul mercato, e di materiali spesso utilizzati per risollevare l’umore dei malati. Questa “cura” è stata adottata solo in seguito anche da altre strutture come scuole, centri psichiatrici e spirituali. La biblioterapia è uno strumento di cultura ma, con il tempo, è diventato un processo interattivo che parte dalla lettura, prosegue con riflessioni ed emozioni e termina con il cambiamento personale. Il traguardo più importante, ottenuto grazie alla “terapia del libro”, è stato il confronto tra più lettori a proposito dello stesso libro, mettendo in risalto reazioni contrastanti e scatenando una grande varietà di stati d’animo. Negli anni i biblioterapisti hanno saputo scegliere i materiali più idonei da adottare in base alle problematiche da risolvere, scegliendo tra tipologie differenti di letture: romanzi, libri poetici, di viaggi o di avventure.

 

Ritrovare un equilibrio interiore con la biblioterapia

Sul sito della casa editrice Mondadori sono molti i libri sulla biblioterapia o quelli relativi allo svolgimento di percorsi interiori o alla ricerca del proprio equilibrio, tutti aventi come punto di partenza la riflessione, il sapersi ascoltare e il prendersi cura di sé. Di grande aiuto sono anche alcuni libri di psicologia, di psichiatria, di filosofia e di auto-aiuto, i quali inducono a far riflettere sulle innumerevoli sfaccettature della vita e indirizzano il lettore verso cambiamenti importanti. Un esempio può essere fornito da uno degli ultimi libri usciti di Cheryl Richardson, “L’arte di prendersi cura di sé”, che racconta, dopo aver provato su di sé la cura, come trasformare la propria vita poco per volta, o meglio un passo al mese. Il seguente testo può essere considerato come libro-guida, suddiviso in dodici capitoli contenenti esercizi, sfide e consigli per prendersi cura di sé stessi e seguire la via giusta per una profonda trasformazione.